Attentato Strasburgo, Antonio Megalizzi non ce l’ha fatta: morto il giornalista italiano

Attentato Strasburgo, morto Antonio Megalizzi: colpito da un proiettile nell’attentato

Antonio Megalizzi non ce l’ha fatta. Il giornalista italiano, ferito gravemente alla testa nel corso dell’attentato terroristico dell’11 dicembre a Strasburgo è morto. La notizia ufficiale – secondo quanto riportato da “Repubblica.it” – è stata data dalle autorità francesi nel pomeriggio di giovedì. 

Le condizioni del 28enne era apparse fin da subito molto gravi. Il proiettile sparato dall’attentatore, Cherif Chakatt, infatti, lo aveva colpito da dietro, alla base del collo, e si era fermato a pochi millimetri dal midollo spinale. Nei giorni scorsi il padre della fidanzata di Megalizzi, Antonio Moresco, aveva rivolto un appello affinché si trovasse uno specialista disposto a realizzare quell’operazione che in Francia ritenevano impossibile da compiere. 

Chi era Antonio Megalizzi?

Antonio Megalizzi era giornalista di 28 anni, volontario di Europhonica, una web radio dedicata a tutto ciò che riguarda l’Europa. L’11 dicembre, pochi minuti prima dell’attentato compiuto da Cherif Chakatt, Micalizzi si trovava nella sede del Parlamento europeo per realizzare un’intervista. 

Già all’indomani del tragico evento, la famiglia del giovane giornalista e la fidanzata Luana erano giunti a Strasburgo per stargli vicino. Purtroppo, però, Antonio non ce l’ha fatta. Ha perso la sua battaglia più importante, ma lo ha fatto mettendo in pratica la sua più grande passione, quella del giornalismo. 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *